Agenda-lavoro: come abbinare l’agenda perfetta al tuo lavoro

Alla base del mio lavoro da Assistente Virtuale c’è un’attenta pianificazione.
Se mi segui da un po’ sai quanto per me sia importante organizzare le mie attività ed è anche la prima cosa che propongo ai miei clienti.
Perché l’organizzazione sia efficace, bisogna partire sempre da lei: l’agenda di lavoro.

Agenda-lavoro: perché è importante programmare

Come avrai capito agenda-lavoro è il connubio perfetto per garantire seguito e costanza alla tua produttività.
Senza una chiara pianificazione sarà difficile portare a termine tutto ciò che devi.
Soprattutto ti sentirai molto più affaticata.
Sicuramente si può sopperire sicuramente delegando le attività che NON fanno parte del cuore del tuo business, ma alla base devi programmare il più possibile per semplificare il tuo lavoro e la tua vita.

Agenda- lavoro: ritmo alla tua produttività

Creando il giusto equilibrio e concentrandoti sul binomio agenda-lavoro potrai facilmente favorire il tuo workflow e scoprire quanto tempo libero puoi ricavare dalle tue giornate. Sarai stupita dei tuoi risultati.

Qui e qui trovi gli articoli in cui ho parlato di quanto sia fondamentale gestire un’agenda-lavoro con la massima serietà con consigli utili su come farlo e quali agende scegliere.

Di seguito, invece, ti mostro i 5 strumenti di oggi per una produttività efficace. Sia che lavori in maniera autonoma sia in team.
Le migliori squadre hanno un forte senso di collaborazione ma, ovviamente, ottimizzano il raggiungimento dei risultati grazie ai tool.

Agenda-lavoro: i tool imprescindibili

  • Microsoft To Do
  • Click Up
  • Teamup
  • Monday.com
  • Timeneye

Microsoft To Do 

Iniziamo i tool di oggi parlando di Microsoft To Do che sostituisce la famosa Wunderlist.
Dopo averla acquisita, Microsoft ha voluto milgiorare la popolarissima app di programmazione giornaliera. Sostanzialmente è una raccolta di liste che puoi suddividere in base agli argomenti e alle necessità.

Puoi differenziare le colonne delle liste per colore e, se senti gli occhi affaticati, puoi anche scegliere la modalità scura.
È una modalità di programmazione intelligente basata sul calendario.
Infatti, tiene traccia delle attività svolte, in modo da aiutarti a scandire i task in base alle giornate nelle quali sono proposte, mettendo in primo piano quelle da svolgere nella giornata odierna.

Puoi scegliere se affidare l’etichetta alle liste catalogandole come “lavoro” o “personale” o creare liste condivise per una più equa suddivisione dei compiti. In famiglia, oltre che nel lavoro!
Il prezzo? Nessuno 😉

Click Up 

Con Click Up passiamo ad un’app che punta a sostituire tutte le altre.

Ha grandi potenzialità e si propone come il futuro del lavoro.
Al suo interno è possibile trovare documenti e promemoria, stabilire obiettivi, impostare il calendario, pianificare le attività. Offre anche una casella di posta e una chat.

È completamente personalizzabile e permette di importare i dati contenuti in altre app in modo da non dover usare app diverse per ogni necessità.

Parliamo di grafica: semplice e pulita così da non appesantire la vista.
Nonostante il minimalismo grafico, è facile apprezzarne i colori che creano una piacevole separazione tra le varie attività.

Inoltre, condividendo le attività con colleghi o familiari, noterai che oltre al semplice nome di chi ha assegnato il task (o chi lo eseguirà) comparirà anche il suo avatar. In questo modo visualizzerai immediatamente di chi si tratta senza fare alcuno sforzo!

Quest’app è davvero completa e, oltre al piano a pagamento, ha anche piano base gratuito.

Teamup

Come suggerisce il nome stesso è il calendario per team con il quale puoi condividere le attività, pianificare e gestire i tuoi progetti.

Non è richiesto un account da parte delle persone con cui vuoi condividere il calendario perché nel momento in cui  viene generato in automatico un link di condivisione.
Anche in questo caso puoi separare il calendario lavorativo da quello personale così da non dover considerare gli impegni lavorativi nei tuoi momenti di relax.

Grazie all’assegnazione dei compiti è sempre possibile vedere in tempo reale chi sta lavorando a quale progetto.

La grafica è semplice e di immediata comprensione.
Anche per questo tool l’uso dei colori ne favorisce la visualizzazione.
Infatti ricorda molto quella di Google Calendar. Ciò che lo differenzia è che quest’app è pensata per i gruppi, quindi è intuitiva e offre facilità di condivisione, creazione di gruppi di lavoro separati e accesso facile per tutti.

Monday.com 

Qui parliamo di un project management che ha l’obiettivo di semplificare il lavoro in team.

I suoi punti di forza sono sicuramente da ricercare nella struttura completamente personalizzabile.
Anche in questo caso la grafica aiuta la fruizione perché è molto semplice e intuitiva da utilizzare. Si adatta a qualsiasi tipo di business e può essere integrata con molte altre applicazioni.
Oltre ai task, si possono condividere molti tipi di documenti, dati e informazioni.

Per quel che riguarda la personalizzazione, ti stupirà notare che puoi usare e condividere qualsiasi tipo di contenuto, dai più classici alle gif animate.

La programmazione degli impegni è veloce e permette di creare delle perfette to-do list che verranno visualizzate in un’unica panoramica per garantirti di non sovrapporre le attività.

Timeneye 

Con questo tool parliamo di produttività e del suo monitoraggio.
Infatti Timeneye è uno strumento utile per il time-tracking.

Ti aiuta ad analizzare i tuoi processi di lavoro e monitorare i livelli di produttività.
Ha un suo calendario settimanale in cui pre-impostare le attività da svolgere e si può utilizzare anche per la gestione delle attività fatturabili.

Anche in questo caso è molto utile nel lavoro in team per monitorare le attività svolte dai collaboratori ed essere sempre a conoscenza di come procede il lavoro della squadra.

La visualizzazione è simile a quella che conosciamo per Google Calendar. Un uso dei colori differente in base al tipo di attività e alle persone a cui viene affidata. Puoi scegliere se usare un timer automatico o manuale modificandolo in base alle tue necessità lavorative ed estrapolare i report utili per i tuoi progetti.

Puoi iniziare con una prova gratuita di 14 giorni.

So quanto sia importante.

Se hai bisogno di aiuto a gestire la tua agenda-lavoro e quindi il workflow scrivimi e analizzeremo insieme quali sono le attività di cui puoi non occuparti più!

 

P.S. Dimenticavo!

Ho creato un corso gratuito dove condivido tantissimi altri consigli e risorse (gratis anche quelle!) per gestire al meglio il tuo business. Se vuoi dargli un’occhiata puoi iscriverti qui.

[mc4wp_form id=”3797″]

Trasformazione digitale. Scegli la piattaforma e-learning più adatta a te

Sono convinta che aggiornare la propria formazione in maniera regolare sia qualcosa di essenziale.
Sempre più spesso, ci rivolgiamo al web scegliendo una piattaforma e-learning che ci permetta arricchire le nostre competenze professionali stando comodamente sul divano di casa.

La trasformazione digitale

Fino ad oggi, soprattutto nel nostro Paese, la trasformazione digitale è stata solo parziale.

Di sicuro i vari lockdown che ci hanno costretti a casa hanno hanno avuto il”merito” di accelerare il processo di digitalizzazione, con la necessità di continuare a lavorare e svolgere la nostra vita da remoto.

Personalmente ho cambiato il mio assetto lavorativo già da tempo e questo mi ha permesso di essere pronta a tutto ciò che stava accadendo senza apportare stravolgimenti di sorta al mio percorso.
Ed è proprio grazie a questo progetto come Assistente Virtuale che mi trovo ad aiutare altre professioniste a scegliere la propria strada, ma soprattutto a vivere con serenità il loro lavoro.

Come? Svolgendo alcune delle attività di contorno al loro core business e fornendo loro strumenti e strategie utili per realizzare il loro sogno.

Il coaching e l’approccio alla piattaforma e-learning

Ciò che mi viene spesso richiesto dalle mie clienti è un supporto nella loro attività di coaching.

Come puoi leggere qui e qui, la professione del coach, oggi, oltre ad essere remunerativa e di semplice diffusione, è diventata anche divertente grazie ai mezzi offerti dal web.
Tutto ciò che dovrai fare, dopo aver strutturato il tuo corso, sarà cercare la piattaforma e-learning più consona a te e al tuo pubblico.

Una piattaforma e-learning, infatti, ti aiuta a distribuire il corso, a trovare il pubblico in target per te e a monetizzare da tuoi infoprodotti (corsi online).
Dal momento che sempre più persone sono abituate a guardare contenuti video, o comunque multimediali, scegliere una piattaforma e-learning può semplificare di molto il tuo lavoro.

Ovviamente potrai scegliere il modo a te più congeniale per insegnare. Per questo che è importante scegliere la giusta piattaforma più adatta a te.

Scopri la piattaforma e-learning più adatta a te

  • Instructure
  • Ilias
  • Mosaico E-learning
  • FutureLearn
  • DoLab Shool

 

Instructure

Questa piattaforma e-learning, made in USA, è uno strumento completo e molto amato da docenti e studenti per la possibilità che offre di adattarsi a qualsiasi piano di studio. Infatti è una piattaforma basata sul cloud nella quale si possono integrare contenuti, strumenti e servizi utili all’apprendimento.

È totalmente personalizzabile, intuitiva e veloce da utilizzare. È tutto basato sugli strumenti tecnologici. Instructure si definisce, infatti, una società di tecnologia educativa.
Ha un piano gratuito e uno a pagamento.

Offre tre prodotti differenti, ovvero:

  • Canvas: software originario di Instructure, basato su un sistema di gestione dell’apprendimento diffuso fra le scuole, prima americane, poi di tutto il mondo.
  • Canvas K-12: software di e-learning specializzato nel rispondere alle esigenze di scuole elementari e secondarie.
  • Canvas Network: è lo strumento di Instructure rivolto a chiunque con i suoi corsi MOOC.

Ilias 

Ilias vede la sua nascita già negli anni 90 grazie all’università di Colonia che inizia ad offrire ai suoi studenti la possibilità di usufruire di un sistema di gestione dell’apprendimento.

Disponibile in 28 lingue differenti, è una piattaforma e-learning open source che si può scaricare gratuitamente.

È una vera e propria biblioteca online utile a raccogliere il know-how della tua azienda.

Grazie al suo livello di personalizzazione dell’apprendimento, oggi Ilias si rivolge a tutti i gradi di istruzione, alle autorità pubbliche e alle aziende,

Mosaico e-learning

Si tratta di una piattaforma e-learning tutta italiana, nata a Ragusa.

I suoi creatori la definiscono, infatti, un sistema di “Digital Learning Made in Italy”.
Grazie a questa piattaforma puoi non solo mettere online i tuoi corsi, ma anche tracciare i risultati dei tuoi studenti, analizzarli e migliorare i tuoi risultati di offerta formativa e, quindi, di monetizzazione.

Offre una grafica personalizzata, un dominio personalizzato e un costo su misura. Già, perché il costo della piattaforma e-learning viene calcolato sulla base del tempo di utilizzo e degli utenti registrati al corso.

Si possono integrare altre piattaforme, quali Docebo, Moodle o altre sfruttando i vantaggi di ognuna.

Inoltre hanno ideato un prodotto dal nome “7 minutes”  che propone un’offerta formativa istantanea e quindi attraente e su misura per tutti in cui ogni contenuto dura, appunto, 7 minuti.

Futurelearn 

Futurelearn offre un ventaglio di proposte tra Università ed esperti da tutto il mondo. Si può imparare e insegnare qualunque cosa, dalle materie scolastiche/universitarie alle professioni o addirittura un hobby!

Ciò che lo rende formidabile (oltre alla grafica) è la sua offerta economica. Infatti, il pacchetto gratuito prevede un percorso formativo a scelta (a prescindere dalla sua durata) in aggiunta a 14 giorni di prova gratuita.

Si ha tutto il tempo per testare la piattaforma e prendere le proprie decisioni.
La struttura dei corsi è ben impostata e ha un suo stile di presentazione in linea con la piattaforma.

Non prevede un’enorme personalizzazione, quindi. Piuttosto, offre un buon confronto con gli altri utenti della community, quiz per testare l’apprendimento e certificati di fine corso.

DoLab School

DoLab School è una piattaforma e-learning differente dalle altre poiché ha un’impostazione che si concentra esclusivamente sulle competenze digitali.
Offre metodi di apprendimento multimediali in coerenza con il loro progetto che mira a garantire la piena trasformazione digitale di tutti i professionisti e le aziende.

Focus dell’azienda è il web marketing, studiato per ogni settore, per coloro che vogliono crescere nel proprio ambito lavorativo. Analizza, quindi, appieno tutta la digital transformation e il mondo social per permettere agli utenti di trovare il giusto posizionamento nel web.

E tu hai scelto la piattaforma e-learning che fa per te?
Se non lo hai ancora fatto o hai bisogno di un supporto nella struttura del tuo corso, contattami e valuteremo insieme il percorso su misura per te oppure consulta la pagina dei miei servizi per scegliere il pacchetto che alleggerirà il tuo lavoro!

 

P.S. Dimenticavo!

Ho creato un corso gratuito dove condivido tantissimi altri consigli e risorse (gratis anche quelle!) per gestire al meglio il tuo business. Se vuoi dargli un’occhiata puoi iscriverti qui.

[mc4wp_form id=”3797″]

Agenda di lavoro: come semplificare le tue attività

In ogni business che si rispetti ci sono delle attività che rappresentano il cuore del business stesso e altre che, seppur molto importanti, non sono proprio la ragione per cui non vedi l’ora di metterti all’ opera. 😅

L’approccio con cui partire per semplificare il lavoro è senza dubbio l’organizzazione dell’agenda di lavoro.

Ed è proprio per questo che ho deciso di supportare le mie clienti, come Assistente Virtuale, nella gestione del proprio ufficio.

Anche se alcune attività, quali ad esempio la fatturazione, la gestione degli appuntamenti, le ricerche online, ecc., sono necessarie, sono sicura che non rappresentano il l’aspetto più importante del tuo sogno.

Perché è importante avere un’agenda di lavoro

È fondamentale avere le proprie giornate e (perché no?!) le proprie settimane organizzate.

Avere un’agenda di lavoro ben organizzata significa essere avanti con tutto il lavoro da fare perché, così facendo, hai il controllo di tutte le tue attività giornaliere e settimanali e puoi fissare gli appuntamenti in piena libertà con la sicurezza di non accavallare nessun impegno.

Ti accorgerai che se suddividi bene le tue giornate avrai a disposizione anche del tempo da dedicare a te e alla tua famiglia!

Quando invece non riesci a dare la giusta priorità alle cose rischi di sentirti oppressa e sopraffatta dal lavoro.
Allora ti vorrei mostrare quanto sia facile impostare una daily routine tutta tua, che sia davvero personale ed efficace.

Tecnica del pomodoro per impostare la tua agenda di lavoro

La tecnica del pomodoro è una tecnica di time management molto efficace anche per chi ha problemi di concentrazione.

Se non hai mai sentito parlare della tecnica del pomodoro, ti suonerà un po’ strano, ma quando ti avrò spiegato in cosa consiste la sentirai molto familiare.
Questa tecnica è stata ideata da Francesco Cirillo ai tempi dell’ università.
Per combattere le distrazioni ha pensato di utilizzare un timer da cucina a forma di pomodoro per tracciare il tempo che dedicava allo studio e quello che dedicava alle pause.

Dopo svariati tentativi e aggiustamenti ha perfezionato questo sistema che oggi conosciamo, appunto, come la tecnica del pomodoro.

Come funziona

Per applicare questo sistema non devi far altro che scrivere quali sono le tue attività da svolgere e impostare il timer a 25 minuti al termine dei quali dovrai concederti una pausa di 5 minuti e ricominciare.

Dopo 4 pomodori consecutivi concediti una pausa di 15-20 minuti.

Tutto qui? Facile!

Probabilmente starai pensando che è semplice e basta azionare un timer per risolvere i tuoi problemi, ma hai idea di quanto siano lunghi 25 minuti quando ti sei imposta di non fare e né pensare ad altro?

Già al primo tentativo ti accorgerai di quanto sia difficile non rivolgere lo sguardo altrove. E diciamo pure che questo altrove si chiama smartphone!

Per questo è importante integrare la tecnica del pomodoro con altri tool e tecniche.

To do list

All’inizio potresti avere difficoltà a suddividere le attività quindi ti consiglio di elencare sulla tua agenda da lavoro, cartacea o elettronica, la tua to do list.

Fai una stima del tempo necessario per portare a termine ogni attività singolarmente e dividi questo tempo totale in “piccoli” task da 25 minuti. Ogni task è un pomodoro.
In questo modo avrai dettagliato non solo la tua giornata ma anche i tuoi singoli compiti.

Gestisci le interruzioni o “l’energia da concentrazione”

Cerca di rispettare i tempi: i 25 minuti di lavoro e i 5 minuti di pausa servono a far sì che tu possa rendere di più e più a lungo ma soprattutto a rendere qualitativo il tuo lavoro.

Se ti concedi “2 minuti”, in un senso o nell’altro, decade l’esperimento.

E se mi interrompono nei 25 minuti?
Impara a dire di no. È una cosa urgente? Bene, segna in agenda di richiamare il collega, l’amico o la mamma al termine dei 25 minuti.

E cosa posso fare nei 5 minuti di pausa?

La cosa certa è che non devi cadere nel tranello dei social! Una volta che avrai effettuato l’accesso i 5 minuti saranno passati con gli occhi incollati allo schermo.

Usa questo tempo per ristorarti, per sgranchirti o, se lavori in casa, approfitta per fare quelle piccole faccende per cui hai bisogno di poco tempo ma che ti peseranno di più se fatte a fine giornata.

Ok, ok…riesco a sentire cosa stai pensando. Devo andare a comprare un timer a forma di pomodoro?
Beh, se ti fa piacere e ti aiuta avere uno strumento manuale la risposta è sì! Ma non sei obbligata.

Quando avrai segnato e suddiviso per bene le tue attività nell’agenda di lavoro ti consiglio di trovare un buon sistema per misurare il tempo con la tecnica che ti ho indicato. Questi che ti elenco di seguito sono, secondo me, i migliori tool per la gestione del tempo.

I migliori tool per la gestione del tempo

  • App orologio
  • Timecamp
  • Manictime
  • Chrometa
  • Clockify

App orologio

Tutti abbiamo di default un’app impostata nello smartphone che segna l’ora. Solitamente quest’applicazione include anche un timer da impostare manualmente.
In questo modo non devi scaricare niente di diverso da ciò che hai già.

Puoi personalizzare la suoneria, dare un nome all’attività che stai temporizzando ma, dal momento che stai usando il tuo smartphone e devi prevenire le distrazioni, ricorda di impostare la modalità aereo.

Timecamp

Timecamp è uno strumento per il monitoraggio del tempo in modo automatico.
Si può integrare con molte altre app, ad esempio Slack, Evernote solo per citarne alcune, e permette di avere una completa gestione del tempo. Infatti è possibile monitorare il tempo per le attività fatturabili, il tempo passato su internet, attribuire un nome al progetto a cui lavori e così misurare la produttività.
Ha un piano gratuito a cui si può collegare un solo account ma con il piano a pagamento si possono integrare altri utenti con cui collaborare.

ManicTime

In questo caso parliamo di un’applicazione che ti aiuta nella gestione del tempo ma tiene anche conto della privacy, infatti agisce in locale senza connettersi a server remoti. Anche qui tiene traccia del tempo impiegato sui vari siti web o file locali e si integra con alcune altre app.

Esiste un piano gratuito con funzioni di base e uno a pagamento.

Chrometa

Questo tool è come la mamma. Controlla ogni tua mossa e la annota per farti notare quando hai “perso tempo”.

Scherzi a parte, Chrometa riesce a registrare ogni attività svolta da desktop o smartphone tracciando gli url dei siti visitati, tenendo nota dell’ oggetto delle mail scambiate o anche il percorso dei file locali del pc.
Da smartphone tiene anche conto del tempo speso a parlare a telefono.
Molto utile per tutti coloro che tendono a spaziare da task a task, ma devono avere un forte controllo delle attività fatturabili.

Clockify

Quest’app di time tracking mette a disposizione delle schede collegate alle attività da svolgere e permette di monitorare il tempo impiegato. L’app è gratuita e può essere usata da un utente singolo o da un team di lavoro. Sono disponibili anche delle opzioni a pagamento.

Genera dei report visionabili da web relativi nell’intervallo di date (o di ore) che desideriamo monitorare. Questi dati possono essere salvati o stampati.

 

Spero che questi consigli possano esserti stati utili per capire come gestire al meglio la tua agenda di lavoro, ma se avessi bisogno di aiuto nella gestione delle tue attività consulta la pagina relativa ai miei servizi e scrivimi e sarò felice di collaborare al tuo successo!

 

P.S. Dimenticavo!

Ho creato un corso gratuito dove condivido tantissimi altri consigli e risorse (gratis anche quelle!) per gestire al meglio il tuo business. Se vuoi dargli un’occhiata puoi iscriverti qui.

 

Personalizzare Facebook? Si può! Ecco come

In questo precedente articolo abbiamo visto come personalizzare Facebook partendo dalle basi e concentrandoci sui contenuti.

Oggi ti mostro dei trucchetti per personalizzare Facebook avvicinandolo sempre di più a te e alle tue esigenze.

Personalizzare Facebook nella gestione delle notizie

Se un tempo per avere novità e gossip era necessario riunirci in un luogo fisico con i nostri amici e conoscenti, oggi possiamo incontrare chiunque nel fantastico mondo virtuale. Su Facebook, infatti, ognuno pubblica ciò che ritiene interessante.
E come fare a vedere le notizie di tutti in una sola pagina? Se poi ci sono amici troppo chiacchieroni si finirà per vedere solo i loro post!
Ecco che entrano in gioco gli algoritmi che scelgono per te le informazioni da visualizzare.
L’algoritmo di Facebook, in continuo aggiornamento, seleziona i post in base all’interesse da te manifestato fino a quel momento con i like, i commenti e le condivisioni.
Naturalmente tutto ciò si può personalizzare. Vediamo come.

Opzioni di personalizzazione

Oltre a poter scegliere di non seguire le notizie pubblicate da una persona, infatti, se usiamo Facebook da PC, possiamo selezionare dal menu “preferenze selezione notizie” e accedere alle pagine e notizie più seguite della settimana.

Da smartphone, invece, possiamo farlo dalla voce “gestisci la sezione notizie”.
Altra novità è relativa a quante notizie di un preciso contatto (amico) si possono scegliere.

Un’opzione estrema per non vedere post inopportuni è, chiaramente, eliminare o bloccare l’amico/a in questione o smettere di seguire una pagina, ma un metodo per evitare “crisi diplomatiche” con i nostri conoscenti è cliccare sui tre puntini sotto la foto profilo e mettere in pausa il profilo (del tuo amico chiaramente!).

Questo può essere utile anche nel caso in cui usi Facebook per lavorare e decidi di non avere distrazioni e concentrarti solo sulle informazioni che contano davvero per te (ed evitare le fake news, magari).

In realtà ci sono moltissime possibilità di personalizzare Facebook.

Trucchi per personalizzare Facebook

Analizzare il tuo profilo

Hai deciso di fare un restyling del tuo profilo? Puoi decidere di analizzare il tuo profilo.

Magari devi rivedere la tua comunicazione e l’immagine del tuo brand e hai bisogno di analizzare i tuoi post, le immagini, gli orari di pubblicazione.
Puoi farlo tramite un’applicazione che si chiama Wolfram Alpha.
Ti stupirai della quantità di informazioni che puoi ottenere!

Programmazione dei post

Devi pubblicare un aggiornamento e vuoi farlo quando sarai sicuro di ricevere il maggior numero possibile di visualizzazioni? Pubblicare i post è ormai un gioco da ragazzi visto che sono programmabili anche per i profili con app di terze parti come Sendible, ad esempio.

Gli eventi, gli eventi!

Sempre più difficile accedervi personalmente, ma sappiamo bene quanto sia diventato “comodo” (e  in molti casi indispensabile!) partecipare a webinar e altri eventi online.

Per fortuna Facebook ha il suo calendario e ci ricorda ogni cosa (inclusi i compleanni…)!
Diciamoci la verità, quante figuracce hai evitato grazie ai promemoria dei compleanni di Facebook? 😅

Per non dimenticare più nessun impegno esporta il calendario e collegalo al tuo account o esportalo in un foglio Excel. Sarà comodo ed efficace!

Tool per personalizzare Facebook

Ma veniamo al dunque e parliamo della parte più bella. Gli automatismi! Vuoi scoprire quali sono quelli di oggi?

  • PostPickr
  • SproutSocial
  • Grytics
  • Pocket
  • Emojipedia

PostPickr

Partiamo da un Social Media Assistant che ti viene in soccorso per programmare e gestire le tue pagine social. Infatti, nella sua versione base ti permette di  pianificare i tuoi post su 4 canali social contemporaneamente, organizzare il lavoro da svolgere e gestire il tuo team.
Oltre a scrivere direttamente i tuoi post, puoi personalizzarli come preferisci e salvarli in specifici album sia su Facebook sia su altri social tipo Pinterest e, quando vuoi, puoi analizzare i dati della tua audience.

SproutSocial

In questo caso parliamo di un tool a pagamento ma le sue potenzialità valgono il suo prezzo, visto che SproutSocial è un vero e proprio collaboratore per gestire i tuoi social.
Con SproutSocial puoi analizzare nel dettaglio gli interessi e il comportamento degli utenti, monitorare l’andamento di più social, creare campagne ad hoc, un piano editoriale in linea con il tuo brand e gestire le interazioni con il tuo pubblico.
È un ottimo modo per avere sotto controllo tutti gli aspetti legati alle tue pagine social e ti risparmia un sacco di fatica.

Grytics

Grytics è uno strumento utilissimo per gestire i gruppi Facebook.
Sai bene quanto è importante gestire una community intorno al tuo brand.
Un gruppo ti permette di stare in contatto con il tuo target e scoprire da vicino i loro gusti e le loro necessità.
Con Grytics puoi vedere le statistiche sul comportamento degli utenti rispetto ai contenuti e pianificare gli aggiornamenti sul gruppo. Puoi studiare qualsiasi aspetto del gruppo che hai creato e garantire grande professionalità.

Pocket

Pocket è un sito di bookmarking che ti consente di non perdere aggiornamenti sulle informazioni utili, ma soprattutto quelle più cliccate dagli utenti.
Grazie alla sua estensione per browser ti permette di salvare i feed più interessanti e trovare i contenuti più caldi del momento.
Digitando parole legate al marketing o più semplicemente “Facebook” o “social media” è facilissimo trovare le notizie più cliccate e più condivise intorno a questi argomenti.
Ha una versione gratuita e una a pagamento. Davvero molto utile per essere sempre al passo con l’informazione e curare il tuo pubblico.

Emojipedia

Io adoro Emojipedia!
Ti aiuta a incrementare l’engagement trovando la “faccina” giusta per i tuoi contenuti.
Attenzione però: l’uso di Emoji ha senso solo se si adatta al tipo contenuto che stai creando e, in generale al tipo di comunicazione che hai deciso di adottare (ovviamente).

Ti serve aiuto per gestire e personalizzare Facebook?

Come sai e come puoi vedere qui, tra i miei servizi da Assistente Virtuale, offro aiuto nella gestione dei Social.

So bene quanto lavoro e quanta fatica e studio ci sia dietro alla costruzione e all’uso dei social media per fini professionali ed è per questo che dedico molta attenzione a questo aspetto di un business.

Contattami e cerchiamo insieme un modo per rendere “gioiosi” i tuoi social media!

 

P.S. Dimenticavo!

Ho creato un corso gratuito dove condivido tantissimi altri consigli e risorse (gratis anche quelle!) per gestire al meglio il tuo business. Se vuoi dargli un’occhiata puoi iscriverti qui.

[mc4wp_form id=”3797″]